News

25/01/2015 Incontri 2014-2015

Login

Accedi alle informazioni riservate



Un metodo per

Un metodo per

 Il gruppo, per il buon funzionamento, ha bisogno di darsi un minimo di norme e di struttura: si incontri regolarmente ogni tre o quattro settimane, a rotazione, preferibilmente in casa di una coppia;  nomini una coppia responsabile riconosciuta da tutti, identifichi il ruolo del sacerdote; si dia una programmazione delle date degli incontri; abbia cura di organizzare l’animazione per i figli.
E’ importante, inoltre, che il gruppo abbia chiaro e sia d’accordo sul metodo delle riunioni e sull’argomento proposto da trattare.
 E’ bene che a tutti  i partecipanti sia dato precedentemente alla riunione un breve testo sull’argomento, e che almeno  una coppia si prepari a casa (di norma è la coppia che partecipa alla riunione dell’intergruppo), al fine di moderare la discussione spontanea.
Le esperienze personali dei componenti siano, in qualche modo, accolte e ognuno sia aiutato a parlare di sé e dei suoi sentimenti.
Il gruppo favorisce l’ascolto reciproco delle persone, senza giudicare o sentirsi giudicato; ognuno si senta libero di esprimersi facendo riferimento soprattutto a fatti vissuti, alla propria vita e ai propri atteggiamenti personali, confrontandoli con la Parola di Dio.
Sarà il Signore, con la Sua Parola letta in gruppo, o il Suo Spirito, presente nell’intimo, a convertire le persone presenti.


LA REVISIONE DI VITA La via maestra di un gruppo che vuol crescere, rivitalizzarsi e portare frutto, passa attraverso la revisione di vita.
Abbiamo scelto e proposto come metodo di lavoro nei gruppi la r.d.v. perché ci sembra risponda a due esigenze:

1. Oggi tutto sembra orientato a separare l’interno dall’esterno, la vita dalla fede, il mondo da Dio, il lavoro quotidiano dalla nostra coscienza, la famiglia dalla società:….c’è un bisogno di ricucire, armonizzare, ricomporre in unità il tutto;
2. Tutti viviamo tante esperienze, fatti, avvenimenti e non riusciamo a scoprirne il senso, a svelare, a riconoscere che Dio è presente-vicino-dentro e che sono fatti che chiamano in causa altre persone, che esigono collaborazione e che domandano una comunità che sa accogliere, aiutarsi, impegnarsi…

Cosa é
· E’ più facile praticarla che spiegarla.
· Non è una discussione in gruppo, uno sfogo per liberarsi, un dibattito culturale, un’analisi personale-sociale, un esame di coscienza….
· E’ una rilettura di un pezzo della propria vita fatta con altri fratelli e sorelle, e con gli occhi e il cuore di Gesù; è un metodo di lettura cristiana dei fatti quotidiani; è un incontro con noi stessi e col Signore presente nella nostra vita quotidiana (scoperto nella ricerca comunitaria illuminata dalla Parola di Dio e guidata dallo Spirito Santo).
· E’ una riflessione guidata con modalità precisa che consiste essenzialmente nell’esaminare un fatto, un problema o una esperienza, rileggendoli e rivedendoli in tre momenti ben distinti.
    
   
Vedere:     si analizza un fatto o argomento nelle sue componenti e    
                  motivazioni;
Giudicare: si cerca di darne una lettura e interpretazione di fede 
                  ricorrendo alla Parola di Dio.
Agire:        ci si impegna a tradurre in cambiamento di mentalità e in
                  azione concreta quanto compreso.

Come viene fatta
1. Personalmente o in gruppo si prega lo Spirito Santo, presente e operante nella vita delle persone.

2. Un componente del gruppo presenta l’argomento o il fatto, così da creare un clima di disponibilità-ricerca-fede.

3. Ognuno pensi alcuni minuti in silenzio, tentando di calare il problema nel proprio vissuto di persona o di coppia, cercando di ricordare le ripercussioni positive o negative che ha creato dentro di sé…, si può  scrivere la propria risposta personale. E’ il vedere.
· Si comunica poi quanto riflettuto o scritto, con molta semplicità ed umiltà.
· Una persona scriva le riflessioni presentate e riassuma sinteticamente quanto detto, senza alcun commento.


4. Per meglio capire-valutare-comprendere, senza giudicare,  occorre interiorizzare il tutto e ricorrere alla Parola di Dio. Essa ci aiuta ad accogliere la presenza e l’azione di Dio: questo é il giudicare.
 
· Dopo alcuni minuti di silenzio, di rilettura del brano, o ricerca biblica, ognuno riporta un passo, una frase che più illumina-corrisponde alle esperienze riportate prima.
  Tutta la Parola di Dio, messa in comune, ha il potere di far cogliere i valori, presenti, i segni dell’amore di Dio e ci avverte dei controvalori – chiusure – rifiuti – peccati riscontrati.
 Ognuno e il gruppo, a questo punto, è invitato nel silenzio a chiedersi:
· Che cambiamenti di mentalità, di atteggiamenti, di giudizi, sono chiamato a fare?
· Che cosa farebbe Gesù Cristo al mio posto o al nostro posto ora, in questa situazione, al punto in cui sono o siamo giunti ?
· E’ il momento di agire, cioé della conversione personale e comunitaria in collaborazione con Dio.
· Ognuno esprime quale impegno o proposito gli nasce dentro e come potrebbe realizzarli.
· Insieme si conclude con un canto o una preghiera.



Sviluppo sito web e Hosting powered by Asco Systems